Palazzo Chigi - Palazzo Chigi Roma - Roma Palazzo Chigi - Hotel Palazzo Chigi


hotel a roma

HOTEL A ROMA

hotel a roma
hotel a roma
  Home Page | Aggiungi ai Preferiti hotel a roma

DA VEDERE
Colosseo
Musei Vaticani
Fontana di Trevi
Piazza Navona
Piazza di Spagna
Arco di Costantino
Galleria Borghese
Basilica di San Pietro
Pantheon
Musei Capitolini
Museo Castel Sant'Angelo
Galleria Palazzo Corsini
Galleria Spada
Galleria Doria Pamphilj
Galleria Colonna
Campidoglio
Palazzo del Quirinale
Palazzo Chigi
Fori Imperiali
Foro Romano
Ara Pacis Augustae
Domus Aurea
Palazzo Madama
Basilica di San Giovanni
San Paolo fuori le Mura
Fiera di Roma
Eventi a Roma
Storia di Roma

PERNOTTAMENTO
Hotel 5 stelle Roma
Hotel 4 stelle Roma
Hotel 3 stelle Roma
Hotel 2 stelle Roma
Hotel 1 stella Roma
Residence a Roma
Bed and Breakfast Roma
Camping a Roma
Ostelli a Roma

RISTORAZIONE
Pizzerie a Roma
Ristoranti a Roma
Birrerie e Pub a Roma
Enoteche e Wine Bar Roma
Ricette tipiche

MEZZI DI TRASPORTO
Come arrivare a Roma
Autonoleggi Roma
Metropolitana Roma
Aeroporto Fiumicino
Aeroporto Ciampino
Stazione Roma Termini

SITI SU ROMA
Siti Roma

Palazzo Chigi


La sede del Consiglio del Governo Italiano


Palazzo ChigiLa storia di Palazzo Chigi inizia il 28 gennaio 1578 quando l'avvocato Pietro Aldobrandini, fratello del futuro papa Clemente VIII, acquista una casa in via Lata ed incarica l'architetto Matteo Bartolini di collegare il nuovo acquisto con un'altra casa di sua proprietà situata in via del Corso. Nel 1587 Pietro Aldobrandini muore ed il figlio decide di vendere l'interà proprietà a Paolo Fossano che continua i lavori sul lato di via del Corso. Passano pochi anni ed il figlio di Pietro Aldobrandini diventa Cardinale nel 1593 e decide di riacquistare la casa paterna, continuando i lavori di ampliamento ed incorporando delle casette limitrofe. Alla morte di questi i lavori vengono continuati dalla sorella Olimpia che eredita lo stabile, ed offre al Cardinale Deti l'utilizzo del lato sulla piazza in cambio del permesso di costruzione dell'angolo su via del Corso. Nel 1659 il palazzo viene acquistato da Mario e Agostino Chigi per la somma di 41.314 scudi. I Chigi fanno eseguire dei lavori di adattamento ed il progetto viene affidato all'archittetto Felice della Greca, nel 1665 terminano i lavori alla struttura dell'edificio, nel 1677 muore Felice della Greca e l'architetto G. B. Costantini prende il suo posto, decidendo di sopraelevare l'edificio di un piano.



Alla morte di Don Agostino Chigi il palazzo passa al figlio Augusto, che commissiona lavori riguardanti le decorazioni in travertino ed il completamento delle cornici delle finestre. Nel 1900 ca. il Palazzo è affittato come sede dell'Ambasciata d'Austria, ma dopo qualche decade la Famiglia Chigi decide di venderlo allo Stato Italiano e nel 1961 diventa definitivamente la sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Le sale più importanti dell'edificio sono situate al primo piano e si affacciano sull'esterno nell'angolo tra via del Corso e piazza Colonna. Esse corrispondono attualmente allo studio del Presidente del Consiglio, alla piccola sala che funge da anticamera, alla sala del Consiglio dei ministri e ad alcuni salottini attigui. Per accedere a queste sale si percorre lo scalone d'onore, opera dell'architetto Felice della Greca e fatto costruire dai Chigi nella seconda metà del XVII secolo. Vi elenchiamo le prestigiose sale di Palazzo Chigi:

Lo scalone d'onore
La sala delle Galere
La sala dei mappamondi
La sala del Consiglio
Lo studio del Presidente
La galleria Deti
Sala Repubbliche Marinare
Il primo salone degli arazzi
Il secondo salone degli arazzi
La sala verde
Il salone D’oro
La sala delle marine
La sala pompeiana
La biblioteca chigiana

Sala delle Galere
E' la prima sala che si incontra salendo dallo scalone d'onore, è definita delle Galere per i moderni riquadri in stucco bianco sopra le porte risalenti all’inizio del secolo. Alle pareti si possono ammirare opere come le copie seicentesche di affreschi del cavalier D’Arpino, i cui originali si trovano nella sala degli Orazi e Curiazi in Campidoglio.

La sala dei mappamondi
E' l'anticamera dello studio del Presidente e così denominata per i due globi rappresentanti la sfera celeste e la sfera terrestre, posti ai lati della porta che accede alla sala del Consiglio.

Sala del Consiglio dei Ministri
La sala del Consiglio dei ministri ha il soffitto decorato con travi di legno, arricchito con un fregio decorato nel 1665 dal pittore austriaco Giovanni Paolo Schor. Gli arazzi alle pareti furono acquistati dai Chigi nel 1668 ed appartanegono per stile alla scuola di Rubens.

Lo studio del Presidente del ConsiglioPalazzo Chigi - Studio del Presidente del Consiglio
Mostra fregi seicenteschi del tempo degli Aldobrandini ed un dipinto del Domenichino raffigurante Santa Agnese.

La galleria Deti
La galleria Deti è una delle più preziose del Palazzo per ricchezza di stucchi, dorature, pitture, fregi e cornici. La volta della galleria è riccamente decorata con stucchi dorati e affrescata con soggetti biblici e figurazioni araldiche fra le quali lo stemma del cardinale Deti che qui visse dal 1623 al 1630.

La sala delle Repubbliche Marinare
Il nome alla Sala è dato dai quattro grandi stemmi di Venezia, Genova, Pisa ed Amalfi dipinti nella volta all’epoca in cui, di notevole bellezza è la decorazione a grisailles (a chiaroscuro monocolore) di moda nel primo Ottocento rappresentante paesaggi boscosi.

Il primo salone degli arazzi
Nel primo salone, adibito a sala riunioni, troviamo alle pareti due splendidi arazzi seicenteschi di Bruxelles raffiguranti storie di Noè e due quadri ottocenteschi rappresentanti episodi risorgimentali.

Il secondo salone degli arazzi
Il secondo salone degli Arazzi è adibito a salotto ed anticamera del Segretario generale della Presidenza del Consiglio. Gli ambienti sono di fattura barocca e arricchiti dal mobilio settecentesco, dai quadri, dagli arazzi e dai tappeti. Alle pareti, tre arazzi seicenteschi di Bruxelles della serie di Alessandro Magno dall’arazziere Ian Leyniers.

Il salone D’oro
Così denominato per la preziosità e la ricchezza delle decorazioni, realizzate da artisti e decoratori in occasione del matrimonio del principe Sigismondo Chigi con Maria Flaminia Odescalchi.
Al centro del soffitto si può ammirare una tela raffigurante Endimione spiato da Diana di G.B. Gaulli del 1668. I paesaggi ad olio su tela sopra le porte sono invece di un pittore fiammingo del 1600, Jean de Momper.

La Biblioteca Chigiana Biblioteca Chigiana
Nella biblioteca era custodito il patrimonio librario di Fabio Chigi, papa Alessandro VII, umanista e appassionato bibliofilo. Patrimonio che consisteva in 26.000 opere a stampa di argomento storico, letterario ed ecclesiastico appartenente ai secoli 1600 e 1700, provenienti alcune da librerie private di amici letterati dell’epoca ma per la maggior parte donate ed acquistate nel corso di viaggi in Italia e Germania. La maggior parte della collezione venne donata nel 1923 da Benito Mussolini al Papa.




Informazioni utili:
Per visitare Palazzo Chigi invirare una richiesta via fax al n. 06-67794588 oppure al Dipartimento per le Risorse Strumentali - Ufficio per la fornitura di beni e servizi - Via della Mercede, n. 96 - 00187 Roma, oppure telefonare al n. 06-67794231 o inviare una e-mail all'indirizzo visite@palazzochigi.it

Le visite si svolgono la mattina del sabato, dalle ore 09.30 alle ore 12.30.

19/08/2017 12:57:48 | La riproduzione anche parziale di questo sito è Vietata | Contatti Hotel Roma Contatti |